Quale idea di famiglia per i sistemici relazionali?

Quale idea di famiglia per i sistemici relazionali?

Fin dall’inizio l’approccio sistemico relazionale si è fondato sul presupposto che non sia possibile spiegare lo sviluppo di un singolo indipendentemente dal sistema, cioè dalla rete di relazioni significative di cui fa parte, né che sia possibile comprendere il comportamento degli individui distaccato dal contesto, cioè dalle circostanze e situazioni, in cui esso ha luogo.

La rete di relazioni significative è stata identificata inizialmente con la famiglia nucleare ovvero i genitori e figli, tuttavia, è proprio l’osservazione sistematica delle dinamiche familiari da parte dei primi ricercatori che ha messo in luce come la nuova unità di analisi, la famiglia nucleare, per quanto di per sé complessa, non potesse a sua volta essere considerata isolatamente dall’ambiente.

Così l’analisi si è estesa fino ad includere i rapporti dei membri della famiglia nucleare con le generazioni precedenti. La famiglia non è più considerata chiusa dentro i confini ma è concepita come parte di un sistema ancora più ampio.

A un certo punto, i terapisti familiari sentirono infatti il bisogno di superare la definizione culturalmente dominante di “famiglia” composta da padre, madre e figli, per prestare attenzione anche alle relazioni esistenti tra fratelli, cugini, nonni, nipoti, zii e amici.

Con questo allargamento alla famiglia e alle generazioni precedenti si vuole sottolineare che il peso e l’importanza che le relazioni familiari hanno per le persone non sono tanto legate ai ruoli, quanto all’intensità dei legami esistenti.

È così che, identificando i confini della famiglia attraverso il criterio dell’intensità delle relazioni, le figure che secondo la definizione più tradizionale di famiglia sarebbero considerate periferiche, possono risultare centrali. Si abbandona cioè una definizione istituzionale di famiglia e si afferma un’idea di famiglia definita dalla qualità delle relazioni tra le persone.

I punti di vista dei diversi componenti della famiglia diventano così centrali e fondamentali nella terapia tanto quanto l’osservazione dei loro comportamenti interattivi all’interno del sistema famiglia.

Info sull'autore

Dott.ssa Giulia Radi editor

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: